BPCO

L’asma e la Bronco Pneumopatia Cronico Ostruttiva (BPCO) sono due patologie ad alto impatto epidemiologico (10,6% di prevalenza sul totale della popolazione Italiana), che comportano un carico socio-economico importante per il Servizio Sanitario Nazionale e Regionale.
In particolare in BPCO (Oliver et al, 2013):
• Negli ultimi 6 anni il costo medio/paziente/anno è aumentato da 1.308€ a 2.723€ ed il costo varia dai 1.000€ a 5.452 € in base alla gravità;
• Le voci di costo più rilevanti (circa 70% della spesa, 92% in Italia) sono i costi diretti delle ospedalizzazioni e servizi ambulatoriali (+250% e +160% negli ultimi 5 anni); le riacutizzazioni rappresentano la causa più frequente di ospedalizzazione nei pazienti con BPCO.
Nell’Asma:
• il costo aumenta mano a mano che peggiora il controllo della malattia;
• il 46,2% della spesa per l’asma in Italia è ascrivibile al 25% dei pazienti con il peggior controllo;
• in particolare a questi pazienti va attribuito il 55% dei costi legati alle ospedalizzazioni e il 48,1% dei costi indiretti (Accordini S et al, 2006).
L’obiettivo nel trattamento di queste patologie è il controllo evitando gli esiti negativi del mancato trattamento. Per far ciò è necessario, oltre al coinvolgimento del paziente nel miglioramento dello stile di vita, un utilizzo appropriato e continuativo della terapia farmacologica.
Uno studio (Raherison C et al, 2009) ha infatti mostrato che pazienti con BPCO con buona aderenza al trattamento (> 80%) risultavano avere una mortalità ed un tasso di ospedalizzazioni per riacutizzazione inferiore rispetto a pazienti con bassa aderenza.
Terapia combinata
Nei pazienti in cui sono indicati sia i beta-2 agonisti a lunga durata d’azione sia i corticosteroidi inalatori (BPCO moderata-grave, molto grave), la somministrazione di questi farmaci in combinazione mostra una migliore efficacia rispetto ai singoli componenti su diversi parametri

cattura

Tratto da VobiSMagazinE luglio 2016

cattura

Tratto da VobiSMagazinE luglio 2016

cattura